Don Giuseppe Gervasini - Sito del Rione di Sant'Ambrogio Olona di Varese

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cittadini illustri


Giuseppe Gervasini (Pret de Ratanà)

Don Giuseppe Gervasini (Sant'Ambrogio Olona, 1 marzo 1867 – Milano, 22 novembre 1941) è stato un religioso italiano. Sacerdote, meglio noto come el Pret de Ratanà, ovvero il prete di Retenate, un tempo frazione di Vignate ed ora nel territorio del Comune di Rodano (MI), dove fu cappellano dal 1897 al 1901, è molto venerato in Lombardia, benché non sia stato canonizzato dalla chiesa cattolica.

Nato in una famiglia povera (il padre era cavatore di pietra, la madre lavorava in filanda), primogenito di cinque figli, quattro dei quali morti in tenera età, si trasferì da bambino insieme ai genitori all'Isola, malfamato quartiere milanese della zona di Porta Garibaldi.

Dimostrò sin da piccolo una viva intelligenza, che spinse i genitori a compiere sacrifici per farlo studiare a Varese al collegio-convitto C. Colombo, dove inizia il ginnasio.

Dopo la morte del padre avvenuta nel 1880, la mamma Luigia, per assecondare il desiderio del figlio di intraprendere la via del sacerdozio, lo iscrive al collegio di Valdocco, fondato a Torino da Don Bosco, a quei tempi ancora vivente.

Tornato in Lombardia frequenta la terza liceo a Monza e, dopo la morte della madre nel 1885, passa al seminario teologico di corso Venezia a Milano dove termina gli studi. Ordinato sacerdote nel Duomo di Milano nel 1892, celebra la sua prima messa a Sant'Ambrogio Olona.



Durante il servizio di leva, prestato a Caserta quale addetto alla sanità tra il 1887 ed il 1888, sviluppa in prima persona la conoscenza di mali e rimedi e scopre forse il dono o carisma della guarigione.

Lungi dal giovargli, questa qualità suscita sospetto e invidie nelle gerarchie ecclesiastiche, che lo giudicano un "prete scomodo" e lo trasferiscono frequentemente da una parrocchia all'altra: da Pogliano Milanese a Cabiate, a San Vittore al Corpo di Milano, a Dergano, a Peregallo di Lesmo fino a Retenate, località che gli valse il soprannome con cui è ancora conosciuto.

Le sue qualità di guaritore e taumaturgo, nonché la capacità di usare erbe medicinali per la confezione di decotti ed unguenti per curare le più svariate malattie, gli procurarono una vasta fama che si diffuse sino alla metropoli lombarda e numerosi erano coloro che, o per mancanza di mezzi o per sfiducia della medicina "ufficiale", si rivolgevano a lui per avere aiuto e consiglio.

Ciò le rese ulteriormente inviso sia al clero milanese, sia al conte Alessandro Greppi, nei cui possedimenti si trovava la parrocchia di don Giuseppe, che nel 1901 chiese e ottenne dall'allora Arcivescovo di Milano, cardinal Ferrari, la sua sospensione a divinis, sospensione che fu in seguito revocata.

Nel 1926 ricevette in dono per riconoscenza da un uomo che aveva guarito la Cascina Linterno, situata oggi nel comune di Milano, nella zona di Baggio ai confini del parco delle Cave, dove si trasferì e continuò ad operare fino alla sua morte, dopo aver ricevuto dall'Arcivescovo di Milano Ildefonso Schuster, che lo conosceva e lo stimava, la benedizione. La stessa Cascina Linterno era stata in precedenza la dimora milanese di Francesco Petrarca.

Ai suoi funerali partecipò una folla immensa, ed alcuni dei suoi beneficati aprirono una sottoscrizione affinché gli venisse data sepoltura nel Cimitero Monumentale di Milano.

Secondo la tradizione popolare, don Gervasini è capace di compiere miracoli o di intercedere per essi.

Recentemente la sua tomba è stata spostata in un'area piu vasta del cimitero stesso, a causa del massiccio flusso quotidiano di pellegrini che accorrono a pregare sulla sua tomba.




 
Oggi è il 26/09/2017 - Sono le ore
Torna ai contenuti | Torna al menu